Fare vita al cibo
Il 17 gennaio tornano a Villa Sauli – Podestà di Prà i mercoledì del Gusto a cura dell’Istituto Alberghiero Nino Bergese. L’appuntamento prevede una  lezione-degustazione su come si conservano i cibi, mantenendo intatta la loro qualità ed evitando gli sprechi.
Tra teoria e pratica, storia e aneddoti si percorre un itinerario attraverso i metodi e le tecniche di conservazione tradizionali degli alimenti nel Mediterraneo e in Liguria. Un percorso che va  dai tempi antichi fino ai moderni processi conservativi industriali.




A condurre l’incontro è Piero Frattari, autore con Licio Frattari del libro “Ne parlerò con mio fratello” (Erga edizioni).
Sotto la regia di Maurizio Sentieri, docente di scienza e cultura dell’alimentazione, si approfondirà come le antiche tradizioni e i trucchi della nonna per preservare a lungo cibi e bevande arricchiscano anche i gusti.
Interverrà Andrea Pedemonte Cabella titolare dell’omonima azienda che dal 1911 produce il Salame di Sant’Olcese, insaccato ancora oggi seguendo l’antica ricetta.
“La chiusura dell’incontro è affidata ai ragazzi – aggiunge il preside del Bergese Angelo Capizzi. Gli alunni offriranno ai presenti un assaggio di prodotti a tema, guidati dallo chef di sala nella presentazione.
Si stabilisce in questo modo un circuito virtuoso di teoria e pratica che coinvolge studenti, insegnanti, addetti ai lavori e quanti sono interessati ad approfondire i principi cardine della cultura enogastronomica del territorio”.

 

 

L’ appuntamento, gratuito e aperto al pubblico, è alle 15,30 davanti ai cancelli di Villa Sauli – Podestà, via Prà 70.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.