Una  giornata genovese, quella odierna, per Emanuele Filiberto di Savoia, genovese egli stesso per parte di madre. Si è trattato di una visita  molto significativa  alla zona  colpita dal crollo del ponte Morandi. E’ stato un abbraccio davvero sincero quello    dell’esponente di Casa Savoia  ad una parte delle persone strappate alle loro abitazioni da quel tragico 14 agosto.
“Sono andato a visitare la zona rossa e mi sono voluto fermare a parlare con alcuni degli sfollati, che in quel momento stavano pranzando. Si tratta di  persone magnifiche, hanno perso tanto ma hanno una forza e una voglia di andare avanti incredibili”.  Queste le parole di un   Emanuele Filiberto, giunto a Genova per consegnare una donazione di quarantamila euro. Si tratta di una somma cospicua che verrà destinata alla creazione di un poliambulatorio in Valpolcevera.




Il legame con Rivarolo è storico

Il legame con Rivarolo nasce, invece, da un’amicizia: quella tra la famiglia Savoia e  Valerio Ruggiero, 29 anni, vice presidente della pubblica assistenza
Gesto nobile e parole  sono stati accolti con uno scrosciante applauso nella sala principale della sede della Croce rosa rivarolese che ha ospitato l’evento. Subito dopo aver scoperto la targa del nuovo poliambulatorio, Emanuele Filberto ha ricevuto un dono particolarmente gradito.
Elvira Ackermann e Emanuele Filberto

Enoteca Squillari ringrazia Emanuele Filberto 

A tanta generosità,infatti,  non è rimasta sorda l’Enoteca Squillari che, con Elvira Ackermann, ha voluto consegnare un omaggio a Emanuele Filberto.  Una confezione davvero “regale” di prodotti della ditta leader a Genova.
“Abbiamo voluto fare un piccolo, ma sentito gesto – ha detto Elvira Ackermann- per ringraziare Emanuele Filiberto per il grande gesto nei confronti di una Rivarolo che tanto soffre in questo periodo. “

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.