Alberto Podestà designer , art director, autore. Ha disegnato per importanti industrie e abili artigiani. Le sue realizzazioni sono vendute e esposte in ogni angolo del mondo. Appassionato di arte, di ambiente e di storie. Naturalmente ottima forchetta!

Cambiano i tempi e con loro ogni azione del genere umano, in ogni campo l’evoluzione dei mezzi per ottenere un risultato è migliorata per molti aspetti. Anche in cucina
Si migliorano le prestazioni, i tempi per realizzarle, la fatica diminuisce così come i consumi.
Anche il settore della preparazione dei cibi è cambiato, un cambiamento senza soluzione di continuità, sempre pronto a stupirci con nuove e sorprendenti evoluzioni.
Ma i sapori? Quelli anche sono cambiati? La risposta è certamente si, le nostre diete alimentari hanno risentito pure loro di tutto questo tourbillon fatto di preparati, ricette ma anche di utensili e macchinari per la cucina.
Abitudini nuove, fatte di migliorie ma anche troppo spesso di penalizzazioni dovute a riti preparatori sempre più sbrigativi.
Se ripensiamo alle cucine delle nostre nonne, ma anche a quelle delle mamme di strada ne è stata  fatta. Tanta strada, ma anche tanti ricordi e , forse, rimpianti.
Dalle cucine cosiddette “economiche” ai piani di cottura ad induzione, dalla mitica macchina per fare la pasta, dal nome che ricorda una delle province liguri, ai robottini.
E che dire dei vecchi macinini o frullatori o ancora delle vecchie e care caffettiere napoletane?
Insomma, come dicevo non crediate che il processo sia arrivato al termine, all’orizzonte stanno avanzando dei veri e propri alter ego, parlo di umanoidi in grado di sostituire il più affermato degli chef!
Infine, c’è da ricordare  il grande Alberto Sordi:  aveva già previsto tutto con il suo film “Io e Caterina” (1980).
Saranno un aiuto o piuttosto dei temibili concorrenti pronti a rubarci il piacere del cucinare?




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.