Alberto Podestà designer , art director, autore. Ha disegnato per importanti industrie e abili artigiani. Le sue realizzazioni sono vendute e esposte in ogni angolo del mondo. Appassionato di arte, di ambiente e di storie. Naturalmente anche ottima forchetta.

 




 

Dopo aver visto i piccoli contenitori pensile della designer coreana  Jihyun Riou oggi è la volta di altri suggerimenti per conservare i cibi freschi senza l’utilizzo di elettrodomestici e con un’attenzione a costi e ambiente.
Partiamo subito con il sistema più abbordabile per investimento e decisamente meno invadente per quanto concerne lo spazio necessario.

 

Il suo nome è “ Zeer “ ed è semplicemente composto da due contenitori in terracotta, l’uno all’interno dell’altro. Tra i due una camera d’aria che verrà colmata con sabbia o argilla, mantenuta costantemente umida. Il cibo in quello più interno al di sopra una salvietta per proteggere il contenuto e conservare i cibi in freschezza.
Questo sistema usato nelle zone rurali dell’Africa e del Medio Oriente sfrutta il processo della trasudazione della sabbia bagnata che evaporando attraverso la porosità della terra cotta tralascia il calore, mantenendo nella parte cava una temperatura ideale per gli alimenti.

 




Il secondo richiede qualche riflessione in più e naturalmente lo spazio esterno alla casa per alloggiarlo.

 

Si tratta di una vera e propria cantina chiamata “Ground Fridge” dal suo progettista il designer olandese Floris Schoonderbeek e prodotta da Weltervree.

 

 

Una sfera bioclimatica che mantiene una temperatura costante di 10/12° in qualunque stagione dell’anno a energia 0.

 

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.