Volete organizzare una cena di charme, oppure al lavoro vi chiedono di preparare un pranzo con dei clienti molto importanti. Ci sarà un momento, in cui vi troverete nella situazione di dover rispondere alla domanda: “Champagne? Sarebbe l’ideale per un tocco di classe. Quale preferite?” Che differenza esiste tra un Cristal, un Moet Chandon e un Dom Perignon?  E’ solo una questione di prezzo o c’è dell’altro? Mistero, nebbia fitta che in caso di una domanda diretta di uno dei clienti, o dei vostri ospiti, guarda caso, per vostra sfortuna, appassionati di vini, potrà trasformarsi in una immane tragedia.



La stessa vicenda di Dom Perignon è una leggenda efficace solo a tracciare un percorso lineare che ha visto l’invenzione e il perfezionamento di questo particolare tipo di vinificazione. Sta di fatto, che fin da subito lo champagne, prodotto con le uve dei vitigni di Chardonnay, Pinot noir e Pinot meunier, si è subito presentato come un vino di classe, da grandi occasioni, un regalo perfetto e pregiato.
La produzione avviene rigorosamente secondo il “metodo classico”: consiste principalmente nell’operare una doppia fermentazione: la prima del mosto, nel tino, la seconda del vino (ottenuto dalla prima fermentazione), nella bottiglia.
Una serie di elaborati passaggi: sapienti dosaggi di zuccheri e lieviti, invecchiamenti e raffreddamenti hanno portato quella bottiglia di champagne sul vostro tavolo, ora spetta a voi spiegare il perché della vostra scelta, motivandola con la particolare delicatezza del perlage o per l’ideale abbinamento dei cibi che verranno serviti in tavola. Oppure, niente…
 
Se, invece, desiderate approfondire questo affascinante tema potete partecipare al corso che la Fondazione Italiana Sommelier organizzerà a partire dal 26 gennaio: Otto lezioni di approfondimenti storici, tecnici e organolettici in aula e due giornate facoltative in Champagne per toccare con mano la realtà vitivinicola che continua a mantenere il primato assoluto di vendite, blasone e numero di appassionati.
Massimo Billetto e Tito Marotta autorevoli ambassadeurs du Champagne della Fondazione Italiana Sommelier, ci guideranno attraverso la geografia della regione Champagne, dalla Montagne de Reims, a la Vallée de la Marne, dalla Côte des Blancs per arrivare all’interessante e più giovane realtà dell’Aube.
Ogni lezione culminerà con l’assaggio di 6 champagne, scelti in assonanza al tema della lezione.
Il corso si svolgerà presso il Novotel, all’imbocco dell’autostrada Genova ovest.
Per informazioni ed iscrizione tel. 3403090716 oppure
liguria.fondazionesommelier@gmail.com
e potete consultare il sito www.fondazionesommelierliguria.it