Una degustazione a “bolle ” coperte. Non poteva che venire in mente che a Monica Capurro del Santamonica di Lungomare Lombardo 27 a Genova. Trasformare, per un attimo, gli avventori e farli diventare protagonisti. Dei novelli sommelier sottoponendoli al sacro rito dell’assaggio alla cieca.
E i risultati sono andai ben oltre le più rosee aspettative, con i commensali intenti a scovare ora questo ora quell’indizio. Tasselli determinanti per poi poter sentenziare che le prime bolle che andavano a titillare il palato erano state di una marca prestigiosa come quella di “Fontanafredda“. la serata, infatti, è stata scadenzata dagli assaggi della preziosa casa vinicola dell’Alta Langa.
Di grande spessore anche gli accompagnamenti proposti dallo chef Federico Basso che ha messo in tavole, nell’ordine: una ricciola all’acqua di mare purificata, salmone superiore Balik e Capesante con frutta tropicale come apertura.




 

Un piacevole intermezzo con una stuzzicante novità che ha conquistato Monica Capurro: delle Percebes che arrivano direttamente dai mari tra la Galizia ed il Portogallo.
 
Proseguire, poi , con il polpo cotto a bassa temperatura e con una zuppa di pesce con bisque di pesce e frutti di mare cotti a vapore, è stato un intrigante passaggio per continuare di bolla in bolla…
Proseguendo è stata la volta di un risotto di mare con gambero rosa e crema di burrata con riduzione di vino.
Ancora bolle, questa volta in edizione limitata.
Chiusura in gran finale con una sfoglia crema all’uovo, meringa, frutti rossi e croccante di mandorle.

Questo slideshow richiede JavaScript.