Mercato orientale di Genova

Genova come Barcellona, o per restare più vicini, come Firenze. Come? Riqualificando il mercato Orientale di Genova. Facendolo  e farlo diventare, oltre a fiore all’occhiello del commercio ortofrutticolo per tradizione,. Un p0′ come la Boqueria di Barcellona o come il mercato generale di Firenze a San Lorenzo, preso d’assalto dai turisti e non solo.




Al piano terra resteranno i 105 banchi tradizionali. Al centro, nel piano rialzato, riqualificato, nascerà invece la “Piazza del gusto”. Si tratta di 2000 metri quadrati, una decina di corner di street food con prodotti tipici e presidi slow food e in mezzo un bar, un’enoteca e trecento posti a sedere per gustarsi in tranquillità dalle acciughe fritte alle trofie al pesto. Ancora, uno spazio soppalcato ospiterà un ristorante “tradizionale”, spazi espositivi e una scuola di cucina.

 

Mercato orientale di Genova

La “rivoluzione” del Mercato Orientaòle di Genova è stata presentata dalla società MOG srl, un gruppo di imprenditori genovesi, che ha ottenuto la concessione trentennale dopo aver vinto il bando del Comune per la valorizzazione della piazza superiore della struttura: investirà due milioni e sono previsti 70 nuovi posti di lavoro.
I cantieri apriranno entro giugno e l’obiettivo è inaugurare l’8 dicembre.