728 x 90 IMU Leaderboard

IMG_5528

 

In un dedalo di vicoli nella zona di S. Maria di Castello, svoltato l’ennesimo angolo,  ti imbatti nei sapori che ti riconciliano con la cucina.

Sono  sapori genovesi, forse anche un po’ aspri,  ma genuini come le persone, come la “Gianna”, che offrono  con consapevole modestia il loro  cibo a chi ha il piacere di sedersi al tavolo.

Spartano, certo, ma dal quale ci si alza con il piacere del gusto e dei sensi direttamente proporzionale al dispiacere che quella odissea palatale sia giunta al suo ultimo giro di pagina.

 Un libro che se vi siete seduti ai tavoli della Gianna, in vico delle Camelie, sarete disposti a riaprire subito e dentro ci troverete un po’ di quello che abbiamo trovato noi.




 

Occorre  dire subito  che siamo stati assecondati con complice naturalezza nell’approfondire la conoscenza di almeno una parte  dei piatti proposti quella sera dalla cucina.

Allora diciamo del tris di primi di pesce. Un romanzo  composto non da assaggi ma da “primi” effettivi nel segno della buona tradizione che vuole sostanza, insomma la “xgiatta” piena.

Partenza con ravioli tuffati in un succoso intingolo di mare dai giusti equilibri senza prevalenze se non quella della freschezza del pescato.

IMG_5521

Secondo round con gli immancabili spaghetti: cottura al punto giusto e anche qui il sugo di mare nella sua apprezzabile  struttura.

 

IMG_5522

Terzo, ma non per questo meno gustosa, la portata di gnocchi. Loro  si sposano al mare ma in misura maggiore in questo caso di specie. Generosa la porzione e di pari grado il condimento. Anche qui l’equilibrio come linea guida di un sugo comunque delicato anche nella sua ruvida robustezza.

 

IMG_5523

 

Approfittando della cortese attenzione della  titolare molto partecipe,  insieme alla nipote, nell’ illustrare i piatti e mettersi a disposizione per aggiustamenti in corso, abbiamo nuovamente moltiplicato per tre. Triade di gusto personalissimo composta da zucchine ripiene, acciughe identicamente acconciate e frittelle di baccalà

 




 

IMG_5525

 

Il tutto lo abbiamo accompagnato con un generoso Roero Arneis di interessante corpo. Occorre dire non eccessivamente ricaricato come dimostrerà poi il conto finale.

 

Vasta la proposta dei desserts e da qui abbiamo tratto un tiramisù destrutturato, realizzato in modo conveniente con crema separata.  Apprezzabile, sicuramente, tanto che ci ha fatto vacillare nelal convinzione che  i cuochi non siano pasticceri e , per questo, non si debba ordinare dolce al ristorante. 

 

IMG_5526

 

Alla fine il cafè ed un Santa Maria strappato all’ultima goccia da una bottiglia finita con tante scuse  della per non aver proceduto al “rabbocco”: scusati per simpatia..!

 

Ricapitolando: tris di primi, piatto ricco di acciughe, frittelle e ripieni, dolce e vino per un totale di 42 euro. Ci pare un prezzo soddisfacente e congruo rispetto alla qualità offerta da questo locale. Lo  diciamo subito, a beneficio di degustatori “foresti”…Il locale va accettato per la sua genuinità, anche se gli spazi nella sala d’entrata  e nella saletta interna (38 coperti in tutto) sono tipici della trattoria d’epoque genovese. Insomma,  pochi fronzoli , si mangia…




Per il posteggio:  o lasciate l’auto nel silos della Marina e procedete verso Ponente salendo una rampetta di scale. Oppure lasciate l’auto nei posteggi del Porto Antico e , procedendo verso Levante per pochissimo , raggiungerete la “Gianna” in vico delle Camelie.

http://www.trattoriadagianna.com/ 

Vico delle Camelie, 16128 Genova

010 246 8659

 




One thought on “Da Gianna: in tavola i sapori di Genova