Alberto Podestà designer , art director, autore. Ha disegnato per importanti industrie e abili artigiani. Le sue realizzazioni sono vendute e esposte in ogni angolo del mondo. Appassionato di arte, di ambiente e di storie.

Naturalmente ottima forchetta!

Quanti film vi rimandano alla parola cibo? Tanti davvero. Ciak si mangia si potrebbe anche dire.
Dal più frugale degli spuntini al più pantagruelico dei pasti, non c’è una rappresentazione cinematografica che non contenga una pausa mangereccia.
Più mangiare che baci? Chissà forse si, comunque una bella sfida.
Vero che il cibo è un bisogno fisiologico pertanto come lo si può ignorare nelle storie, passando dalle tragedie alle farse, dalla disperazione all’ esuberanza; fame e ostentazione come estremo piacere.
Si mangia perfino durante le riprese dei film, famosi sono i sacchetti preparati dalle produzioni.
Si mangia dopo averlo girato alle cene di gala. Ciak si mangia.
Ma poi si mangia al cinema?
Certo che si mangia, si mangia il cibo per antonomasia ovvero i Pop corn.
Sacchetti ma soprattutto in bicchieri in cartone dalle smisurate dimensioni, orge di fiocchi di mais esplosi e festanti, così fragorosi che invitano alla più grande storia d’amore tra il cinema e un alimento.

 




Questo slideshow richiede JavaScript.

 

I pop corn si consumano al cinema ma non solo…Ecco la ricetta

Per la preparazione casalinga dei pop-corn – senza l’aiuto di macchine specifiche – è possibile utilizzare una padella con fondo spesso e coperchio, unta leggermente d’olio con un tampone di carta da cucina. La si pone su fuoco vivo con una quantità di chicchi che non coprano completamente il fondo. Quando, dopo un minuto circa, i primi chicchi cominciano a scoppiare, la si scuote in modo da far rotolare i chicchi sul fondo per evitare bruciature. Terminata la cottura, togliere il coperchio per lasciare evaporare l’umidità residua e salare con sale da cucina polverizzato su un tagliere di legno usando la pancia di un cucchiaio come macina. In alternativa all’olio vengono spesso utilizzati per la cottura la margarina vegetale o il burro.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.